Sicurezza elettronica: intervista a Fernando Catullo

Post By RelatedRelated Post

Non so se sia mai capitato anche a voi, ma personalmente mi dimentico spesso che la Rete è una gran bella invenzione, che va conosciuta anche da un punto di vista del suo uso sicuro.
Se poi allarghiamo il discorso a tutta l’elettronica, ci rendiamo conto che è indispensabile, soprattutto in ambito professionale, affrontare e risolvere problematiche anche complesse nell’ambito delle tecnologie della sicurezza logica dei dati, dell’automazione, dell’integrazione e della gestione dei sistemi applicativi.

Tematiche molto tecniche e per addetti al lavori? Anche. Ma qualunque azienda dovrebbe avere ben chiara la priorità da dare a questi aspetti.
Fernando_CatulloPer questo, oggi ho il piacere di intervistare Fernando Catullo, CEO di Intesi Group.

“Le vostre soluzioni in buone mani”: possiamo riassumere con questa vostra frase il cuore dell’attività di Intesi Group?

Intesi Group è nata nel 1998 su iniziativa di un gruppetto di amici e colleghi che hanno deciso di andare oltre lo schema classico della piccola società di consulenza per provare a creare un’azienda nuova, diversa, piacevole e in grado di offrire soluzioni tecnologiche capaci di confrontarsi e, se possibile, superare l’offerta del mercato. Abbiamo lavorato per autofinanziarci e abbiamo investito per crescere e per trasformarci in quello che siamo e che saremo. Inizialmente abbiamo messo a disposizione le nostre competenze offrendo consulenza specialistica, poi siamo passati alla messa a punto di prodotti verticali allo stato dell’arte che incorporano quello che abbiamo imparato, se possibile senza compromessi. Infine ecco i servizi in cloud e le App che riducono ancora, fino ad azzerarla, la distanza tra la soluzione e l’utente. “Le vostre soluzioni in buone mani” … forse la frase andrebbe rimodulata in “Le buone soluzioni nelle vostre mani”. Oggi riteniamo di offrire soluzioni eccellenti, a costi competitivi e cerchiamo di fare sempre meglio per restare un po’ più avanti.

2_pen_intesigroupLavorare sulla sicurezza elettronica e non solo comporta professionalità tecnica di altissimo livello, ma anche molta sensibilità nel comprendere le necessità del cliente: è d’accordo?

Non ci si improvvisa esperti, serve conoscenza, esperienza, competenza, professionalità, flessibilità e man mano che ci si avvicina all’utente, occorre capire il suo modo di ragionare, le sue reali motivazioni e il limite oltre il quale una soluzione diventa un ulteriore problema. Nel campo poi della sicurezza il mantra è sempre stato: “se è sicuro è complicato” e il nostro obbiettivo è quello di rendere la sicurezza fast end easy Il mondo chiede specializzazione. Intesi Group è specializzata nella sicurezza logica, nella protezione dei dati, nella crittografia, nelle tecnologie di firma e di autenticazione. Non abbiamo la pretesa di fare di tutto. Ci interessa fare bene e cerchiamo di far si che il nostro lavoro sia piacevole, utile e remunerativo. Non è facile mantenere l’equilibrio tra ciò che ci piace e ciò che ci si chiede. Bisogna guardare avanti e tenere bene in mente quali sono i nostri limiti. E cercare sempre di spingersi un po’ più avanti. Se possibile negli spazi che ancora non sono occupati e presidiati. Oppure negli spazi dove il vecchio deve lasciare il posto al nuovo per il semplice fatto che “Il mondo è andato oltre”. Qualche volta anche essere aggressivi con strutture snelle e politiche di prezzo Disruptive.

Da non molto avete lanciato Time4Mind, una piattaforma per l’erogazione di servizi in cloud: di che si tratta?

Time4Mind è un grande investimento per Intesi Group. E’ il nostro futuro anteriore e prossimo. Abbiamo realizzato una soluzione che rende semplice e immediata la messa in sicurezza dei servizi in Cloud dei nostri clienti. La sicurezza è declinata in specifici servizi di Firma Digitale ed Elettronica Avanzata, nei servizi di Crittografia e di Strong Authentication. Il tutto al meglio per l’Italia e con un’apertura sempre più spinta per l’internazionalizzazione. Se qualche anno fa un progetto di firma richiedeva ai nostri clienti molti mesi di progetto, con i prodotti l’impegno si riduceva a qualche settimana di integrazione, con Time4Mind sono sufficienti pochi giorni di messa a punto. Con Time4Mind cambia anche il modello di business. L’adozione di un’offerta di servizi OnDemand permette di ridurre al minimo l’investimento iniziale e quindi di avviare un progetto senza dover impegnare capitali immobilizzati in infrastrutture costose che diverrebbero necessarie solo quando l’iniziativa avrà successo. Si spende solo quando il servizio lo richiede e a quel punto ci sono anche i ritorni per cui è più facile giustificare la spesa. Ovviamente noi stiamo investendo molto e bisogna puntare sui clienti vincenti, con cui sarà possibile stabilire relazioni durature di partnership. Il premio sarà un business che si prolunga e cresce nel tempo con ovvie ripercussioni positive sui ‘conti’.

Se le dico “risorse umane”, lei che cosa mi risponde…

La disoccupazione per noi è un problema al contrario. Cerchiamo professionisti e tecnici bravi, preparati, che abbiano voglia di lavorare con noi per crescere insieme, tenendoci al passo con l’innovazione tecnologica che non ha nessuna intenzione di aspettare chi non corre. Non possiamo permetterci di rilassarci. La pena è perdere e per noi è inaccettabile. Stiamo cercando risorse, ed è difficile. Le regole non ci aiutano. Un errore può risultare molto pericoloso. Dobbiamo puntare al meglio e chiedere di più. Non è facile mantenere un equilibrio in corsa. E’ un equilibrio dinamico che può essere ottenuto solo con persone molto preparate e disposte a rinnovarsi costantemente oppure con un turnover molto alto. Noi preferiamo la prima strada. Per questo siamo selettivi e, devo confessare, facciamo fatica, molta fatica a trovare i collaboratori di cui abbiamo bisogno.

Daniele Tarenzi

Daniele Tarenzi

Per lavoro mi occupo di comunicazione. Per passione mi occupo di comunicazione. Amo le persone sveglie, appassionate e "che friggono"!
Mi laureo in Lettere (perché Dante è sempre Dante!), ma faccio il Digital Communications Manager.
Daniele Tarenzi

Latest posts by Daniele Tarenzi (see all)

Daniele Tarenzi

Per lavoro mi occupo di comunicazione. Per passione mi occupo di comunicazione. Amo le persone sveglie, appassionate e "che friggono"! Mi laureo in Lettere (perché Dante è sempre Dante!), ma faccio il Digital Communications Manager.