Le pere più buone aiutano i bambini in ospedale

Post By RelatedRelated Post

chestorie.com

Da dieci anni sono con orgoglio un volontario ABIO, l’Associazione per il Bambino in Ospedale, che con i suoi 5.000 volontari in tutta Italia ogni giorno è al fianco dei bambini che sono ricoverati nei reparti di pediatria. Abio nasce nel 1978 presso il padiglione Alfieri del Policlinico di Milano su appello del Prof. Zafferoni, in un momento storico molto particolare: i flussi migratori da Sud a Nord per cercare lavoro avevano portato le famiglie a non avere attorno tessuto sociale adatto a sostenere le necessità e i momenti di bisogno che si venivano a creare nel momento dell’ospedalizzazione dei più piccoli. Inoltre, le pediatrie non erano ancora luoghi così tanto a misura di bambino.

Oggi, ancor più del passato, sappiamo poi che l’ospedalizzazione può rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo psichico del bambino, tanto più grave quanto più è piccolo. L’ingresso in ospedale si accompagna a una rottura della quotidianità e alla riscoperta delle paure più originarie in cui i punti di riferimento vengono persi. Per tutti questi motivi è nata ABIO che ha visto crescere il proprio operato in modo endemico e capillare sul nostro territorio italiano.

Sabato 30 settembre i volontari ABIO porteranno in 150 piazze in tutta Italia il sorriso che ogni giorno regalano ai bambini e agli adolescenti in ospedale: è la Giornata Nazionale ABIO, nata per far conoscere ABIO e, perché no, invitare a scegliere di impegnarsi come volontari o a sostenere ABIO con una donazione.

Per tutta la Giornata ai bambini saranno dedicati palloncini, giochi, sorrisi: una vera e propria festa dedicata alla solidarietà e al volontariato. Tutti potranno sostenere ABIO e ricevere il simbolo della Giornata, un cestino di pere IGP dell’Emilia Romagna offerto e distribuito dal Consorzio Opera.

Da tredici anni durante questa giornata vogliamo raccontare ciò che noi volontari facciamo ogni giorno in oltre 200 reparti di pediatria in tutta Italia, coinvolgere le persone, invitarle a seguire i corsi di formazione per diventare volontari, spiegare che i bambini, gli adolescenti, i loro genitori, hanno dei diritti anche e soprattutto in ospedale.

Inoltre, è possibile sostenere la mission ABIO inviando un SMS del valore di 2 euro al numero solidale 45529 dal 15 settembre al 9 ottobre per sostenere i progetti di Fondazione ABIO.

chestorie.com

Scopri la piazza più vicina a te su www.abio.org. Io sarò presente personalmente con tanti altri volontari in Piazza Liberazione a Magenta e presso il Centro Commerciale Il Destriero di Vittuone dove la mia sede (www.abiomagenta.orgwww.facebook.com/AbioMagentaOnlus) locale ha organizzato alcune sorprese per permettervi di avvicinarvi al nostro mondo. Puoi seguirci anche sui social sulla pagina www.facebook.com/FondazioneABIO e tramite gli hashtag: #perAMORE #perABIO #orgoglioABIO.

Emanuele Tomasini

Emanuele Tomasini

Vivere è comunicare e comunicare è mettere in relazione. Amo osservare come le persone si mettono in ascolto di se stesse e in contatto con il mondo per creare il proprio spazio. Sono uno psicologo. Appassionato di musica e matematica, scrivo e leggo alla ricerca di connessioni e legami.
Emanuele Tomasini

Emanuele Tomasini

Vivere è comunicare e comunicare è mettere in relazione. Amo osservare come le persone si mettono in ascolto di se stesse e in contatto con il mondo per creare il proprio spazio. Sono uno psicologo. Appassionato di musica e matematica, scrivo e leggo alla ricerca di connessioni e legami.