Cenerentola: la recensione

Post By RelatedRelated Post

Ne avevamo già scritto, ma poi non siamo riusciti a resistere alla tentazione di andarlo a vedere. E così sabato 27 maggio siamo andati a Gallarate per assistere alla replica di Far e Cenerentola.

Milano Contemporary Ballet ritorna al Teatro di Milano

E vogliamo soffermarci proprio su Cenerentola, un inedito coreografato da Roberto Altamura e Vittoria Brancadoro.

Cenerentola si ispira alla fiaba che tutti conosciamo, ma con l’intento di ricostruire la vicenda del racconto di Charles Perrault facendo emergere quelli che possono essere gli aspetti più vicini alla società contemporanea. Uno spettacolo ironico e romantico, sulla partitura originale di Sergeij Prokofiev, con le scenografie dell’artista Vincenzo Mascoli, che ha visualizzato e sintetizzato le linee energiche della coreografia. Chi è Cenerentola oggi? E il Principe? La novità sta nel significato: se il nostro principe nell’epoca del GPS e dei social riuscirà a ritrovare la ragazza, cosa significherà per lei la scarpetta?

Sul palcoscenico si sono alternati diversi giovani danzatori, tutti saldi nella tecnica contemporanea con linee pulite e passaggi corporei ben controllati. Nessuno sconto da parte dei coreografi. E i ballerini rispondono perfettamente a questa sfida, tra entrate in scena inaspettate e un body contact discreto, raffinato, elegante. Pirouettes, gambe alte e punte ben stese: in un panorama della danza italiana sempre fortemente criticato, il lavoro di Altamura e Brancadoro è un’oasi felice, dove si riconosce chiaramente la ricerca che sta dietro ogni singolo movimento e la passione che muove tutto lo spettacolo.

All’interno della serata è stata presentata la corografia di Roberto Altamura “Le molte feritoie della notte”, progetto di alternanza scuola – lavoro in collaborazione con il Liceo Coreutico Statale Pina Bausch di Busto Arsizio.

Per chi ama ancora la danza…per noi è SI’.

Daniele Tarenzi

Daniele Tarenzi

Per lavoro mi occupo di comunicazione. Per passione mi occupo di comunicazione. Amo le persone sveglie, appassionate e "che friggono"!
Mi laureo in Lettere (perché Dante è sempre Dante!), ma faccio il Digital Communications Manager.
Daniele Tarenzi

Latest posts by Daniele Tarenzi (see all)

Daniele Tarenzi

Per lavoro mi occupo di comunicazione. Per passione mi occupo di comunicazione. Amo le persone sveglie, appassionate e "che friggono"! Mi laureo in Lettere (perché Dante è sempre Dante!), ma faccio il Digital Communications Manager.